• Aneddoti

    del tempo delle apparizioni
  • 1

Commuoveva persino i cuori più duri

cementario

24 e 25 marzo 1962, festa dell’Annunciazione.

Racconta Simón, il padre di Jacinta:
«Le tre bambine, Conchita, Loli e mia figlia, che fino ad allora solo “pregavano” il rosario, quel giorno si misero a cantarlo, e lo cantarono per intero. All’inizio dell’apparizione eravamo molto pochi con loro; ma iniziò a uscire la gente dalle case e, alla fine, credo che ci fosse ormai tutto il paese.

Io sentivo una gioia immensa, visto che conosco bene mia figlia e so quanto è timida, e per questo pensavo tra me e me: “Deve vedere qualcosa di molto grande per cantare come canta”.

Anche se non avevo visto la Vergine, la mia gioia o l’emozione in quel giorno furono così grandi che non avrebbero potuto essere maggiori».

Continuazione…

Dice Maximina in una lettera:
«Ma la cosa più grande avvenne la domenica, il giorno dell’Annunciazione. Iniziarono alle nove e mezza di sera e terminarono a mezzanotte. Quasi non posso spiegarvi come avvenne. Iniziarono il rosario cantando; poi dissero che la Vergine chiedeva che cantasse tutta la gente. Guardi, cantavamo tutto con un’emozione grandissima; non ve lo potete immaginare.
Andammo cantando al cimitero: Lì, in ginocchio, pregarono un mistero; era sulla porta, quando in quel momento Conchita stese un braccio, con il crocifisso in mano, attraverso l’inferriata della porta, e sembrava che lo stesse dando da baciare. Commuoveva. Persino i cuori più duri.
Poi tornammo di nuovo verso il paese, cantando fino a concludere. Si cantò la Salve Regina, il “Cantemos al amor de los amores” (Cantiamo all’amore degli amori), e poi altri canti che loro facevano stando in estasi. E dicevano: “Ah, come è contenta la Madonna, perché c’è molta gente! Come sorride e come guarda tutti noi!”».

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Ok