Bambini

Il 18 giugno 1961, San Michele Arcangelo apparve alle bambine a Garabandal per la prima volta. Poi apparve per vari giorni alle quattro bambine e le preparò per la venuta della Vergine Maria.

San Michele è uno dei sette Arcangeli, ed è fra i tre i cui nomi appaiono nella Bibbia. Gli altri due sono Gabriele e Raffaele. Nella Bibbia San Michele appare come il grande difensore del Popolo di Dio contro il demonio. Possiamo pregare San Michele Arcangelo affinché ci protegga dalle tentazioni del demonio e ci aiuti a non cadere nel peccato.

La Vergine Maria venne a visitarci

San Sebastián de Garabandal è un piccolo paese nel Nord della Spagna. Qui, tra gli anni 1961 e 1965, la Vergine Maria apparve a quattro bambine di 11 e 12 anni: Conchita González, Jacinta González, Mari Cruz González, Mari Loli Mazón.

Il 18 giugno 1961, quando le bambine stavano giocando nel paese, videro San Michele Arcangelo. Per vari giorni apparve loro e le preparò per la venuta della Vergine Maria, che avvenne nel pomeriggio della domenica 2 luglio 1961.

Videro spesso la Madonna durante i successivi 4 anni.
Era per loro una madre, e insegnò loro molte cose che
le aiutarono ad amare maggiormente Dio e a vivere
meglio la loro vita quotidiana.

 

Dov’è Garabandal?

La Vergine Maria diede alle bambine due messaggi speciali per tutti i Suoi figli dispersi per il mondo. Come una madre, ci dice ciò che dobbiamo fare per il bene delle nostre anime. Ci insegna come dobbiamo pregare, fare penitenza, amare Gesù nell’Eucaristia ed essere buoni nella nostra vita quotidiana. Così salveremo la nostra anima.

La Madonna di Garabandal rispondeva alle mille domande che Le facevano le bambine, e, un po’ alla volta, formava la loro coscienza. La Sua relazione con loro era molto semplice. Spesso la Madre del Cielo giocava con le bambine del paese. Dopo aver visto la Madonna le bambine avevano molta voglia di amare Gesù e Maria e di parlare a tutti del Signore e della Sua Santissima Madre.

Che cos’è l’Eucaristia?

L’Eucaristia è il nome che diamo a Gesù sotto le specie del pane e del vino. La parola “Eucaristia” significa “rendere grazie”. È un nome molto appropriato perché la presenza di Gesù tra di noi come Pane vivo è il più grande dono di tutti quelli per cui dobbiamo ringraziarLo.

L’Eucaristia ci alimenta veramente. Come abbiamo bisogno del cibo per mantenere vivo il corpo, per crescere e per essere forti, così pure abbiamo bisogno del cibo per l’anima. L’Eucaristia, il Pane di Vita, è questo alimento. Mantiene viva la vita della Grazia nel nostro cuore. Ci aiuta a crescere come figli buoni e amanti di Dio.

La Madonna a Garabandal ci insegna che l’Eucaristia deve essere il centro della nostra vita. Gesù è presente nell’Eucaristia e ci aspetta. La nostra Madre del Cielo incoraggiava le bambine ad andare in chiesa e a visitarLo lì. Una volta disse a Conchita: “Conchita, devi visitare più spesso mio Figlio nel Tabernacolo. Perché non Gli fai visita, e ti lasci prendere dalla pigrizia, mentre Lui vi aspetta giorno e notte?”

custodia

Un grande amore

Gesù nell’Eucaristia ha un grande amore verso di noi. Anche tu ami molto l’Eucaristia?

L’Eucaristia è il centro della nostra vita cristiana e tutti noi cristiani dobbiamo amarla molto, perché è Gesù stesso tra di noi.

Chiedi alla Madonna che ti aiuti ad aumentare il tuo amore verso l’Eucaristia e a non avere paura di essere e di dire, di fronte ad altre persone, che sei cristiano, di assistere alla Messa e di pregare.

Content on this page requires a newer version of Adobe Flash Player.

Get Adobe Flash player

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.

Ok