Download Free Templates http://bigtheme.net/ Websites Templates
  • Spiritualità

  • 1

Capita tante volte che siamo come “addormentati” nella vita di fede, nella carità e  nella speranza. Come se ci fossimo dimenticati che il Signore ci aveva chiesto di stare attenti e vigilare, perché non sappiamo né il giorno, né l’ora della Sua venuta. 
L’Avvento vuole ricordarci proprio questo: Cristo ha promesso che tornerà, ma non sappiamo quando. Perciò, in questo tempo di attesa, ci ha detto “vegliate e pregate”. 
Possiamo prendere sul serio queste due parole, attitudini e questo Avvento, sforzandoci davvero di metterlo in pratica, senza perdere tempo.

advent

Per questo Avvento vi offriamo una parola da ascoltare e vivere: Svegliare.

Capita tante volte che siamo come “addormentati” nella vita di fede, nella carità e  nella speranza. Come se ci fossimo dimenticati che il Signore ci aveva chiesto di stare attenti e vigilare, perché non sappiamo né il giorno, né l’ora della Sua venuta. 
L’Avvento vuole ricordarci proprio questo: Cristo ha promesso che tornerà, ma non sappiamo quando. Perciò, in questo tempo di attesa, ci ha detto “vegliate e pregate”. 
Possiamo prendere sul serio queste due parole, attitudini e questo Avvento, sforzandoci davvero di metterlo in pratica, senza perdere tempo.

Sappiamo che molte volte le bambine – e tutti quelli che stavano con loro – apettavano l’aparizione svegli fino all’alba. Rimanevano sveglie aspettando la Vergine. Abbiamo testimonianza di ciò nei ricordi di María José Álvarez (testimone delle apparizioni) : «Dopo essere passate porta a porta dalle ragazze che avrebbero ricevuto l’apparizione, ci sedemmmo in una panca davanti allacasa di Conchita. La cucina era piena e la porta restava aperta. Si pregava il rosario e noi rispondevamo da fuori. Alle sei della mattina, la gente che era nella cucina uscivano per farci entrare, in caso avessimo freddo. Conchita e sua madre stavano sedute ai due lati del camino. Aniceta era la più sveglia e io le dissi “ Perché, sapendo che la Madonna verrà più tardi non vanno a dormire?”; ella mi rispose “Sapendo  che la Santissima Vergine  viene, il minimo che possiamo fare è aspettarla svegli”. Era una grande verità».

juanpabloQuesta è l’attitudine che dobbiamo avere adesso, in ogni tempo e in ogni momento, di fronte alla venuta del Signore. Rimanere svegli interiormente, ossia farci trovare pronti.

"Resuena más viva y actual que nunca la exhortación a velar y orar, a fin de estar preparados para el encuentro con el Señor" (Juan Pablo II - homilía - I Domingo de Adviento, 1997).

Il Signore viene e aspetta di trovare le porte aperte. Che quando venga al nostro cuore, incontro a noi, non gli capiti quello che successe alla sua nascita “non c’era posto per loro nell’albergo” (Lc 2, 7). “Apri la porta a Cristo, al tuo Salvatore” (Giovanni Paolo II).

Per tutto questo chiediamo aiuto a Maria. “Dirigete il vostro sguardo a Maria. Tutta la Sua vita vi mostra che niente è impossibile a Dio. Imitandola e invocandola costantemente, potrete arrivare ad essere come Lei, portatori di gioia e amore” (Giovanni Paolo II).

 

 

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok