“A che dobbiamo che Nostra Madre venga a noi, ci parli, ci dia un messaggio e ci dica ciò che dobbiamo fare?”. Abbiamo forse meritato questa visita? Una parola sarebbe già un regalo, e Lei ce ne ha regalate molte. Il semplice fatto che la Vergine venga a visitarci è già un fatto straordinario e di così tanto valore che non dovremmo chiedere né volere qualcosa di più.

mensaje

Dicono che molti sono rimasti delusi dall’annuncio del primo messaggio. Ci si potrebbe domandare il perché. Prima di tutto, dobbiamo ricordare che noi, molte volte, ci aspettiamo, a causa della nostra poca fede, cose straordinarie, grandi, rumorose. Tuttavia, abbiamo visto che molte volte Dio agisce nel silenzio, nella semplicità, in una leggera brezza, e non nell’uragano e nei tuoni. Questo nostro errore di volere qualcosa di fantastico ci acceca di fronte alla maniera reale e non meno sorprendente d’agire di Dio.
Piuttosto ci dobbiamo chiedere: “A che dobbiamo che Nostra Madre venga a noi, ci parli, ci dia un messaggio e ci dica ciò che dobbiamo fare?”. Abbiamo forse meritato questa visita? Una parola sarebbe già un regalo, e Lei ce ne ha regalate molte. Il semplice fatto che la Vergine venga a visitarci è già un fatto straordinario e di così tanto valore che non dovremmo chiedere né volere qualcosa di più. 
È sorprendente la pazienza che Dio ha nei nostri confronti, che siamo figli suoi. Come il Padre del figliol prodigo, aspetta e anela il ritorno del figlio perso e caduto nel peccato. Non si stanca di aspettare, non si stanca di perdonare, mentre noi ci stanchiamo spesso e dimentichiamo che esiste questo Padre buono che vuole accoglierci di nuovo in casa sua e darci l’eredità promessa ai suoi figli. 
La Vergine Maria, Madre di Dio e Madre Nostra, viene per ricordarci questa verità. Ci invita a offrire sacrifici e fare penitenza. Ci invita a visitare il Santissimo Sacramento con frequenza, cioè a ravvivare la nostra fede nella e il nostro amore per la presenza reale di Cristo nella Santissima Eucaristia. In un’altra occasione, la Vergine disse a Conchita: “Lui vi aspetta giorno e notte”. Sì, il Signore ci aspetta nel tabernacolo. Molti si sono dimenticati di Lui. La Madonna dice che dobbiamo essere “molto buoni”. Questo “essere molto buoni” è una nuova chiamata alla conversione, a rivolgere il cuore continuamente a Dio, al pentimento e al desiderio di fare ammenda. È una chiamata alla santità, all’amore verso Dio e verso il prossimo, alla purezza di cuore.
 Annuncia infine che, se non cambiamo, verrà un castigo. La parola “castigo” non ci deve scandalizzare, giacché appare molte volte nella Bibbia. La Madonna lo dice perché ci rendiamo conto della gravità del peccato. Proprio come colui che ama e fa il bene riceverà la sua ricompensa, il male e il peccato verranno castigati, purificati. Dio non è meno misericordioso perché è giusto. Dobbiamo innalzare nel nostro cuore un inno di gratitudine a Dio per questo avviso, per questa chiamata… Non possiamo dire la famosa frase “Non sapevo”, perché Dio stesso c’è l’ha detto: “Convertitevi e credete al Vangelo”, e ce lo ripete adesso attraverso sua Madre: “Se non cambiate, verrà un castigo”.
Questo messaggio deve essere accolto con tutto il cuore. Non permettiamo che sia dimenticato. La Vergine non vuole molto, desidera la nostra salvezza, e perciò ha questa preoccupazione materna e ci avverte. Rinnoviamo ogni giorno il nostro impegno di compiere e di far conoscere questo prezioso messaggio, che è segno del amore di Nostra Madre verso i suoi figli e della misericordia e dell’amore di Dio verso di noi.

Vedere il video